Skip to main content

Intrum e Intesa Sanpaolo stringono una partnership strategica a lungo termine creando un operatore leader di mercato nel servicing dei Non Performing Loans in Italia.

Comunicato stampa   •   apr 17, 2018 14:09 CEST

Di seguito un riepilogo degli accordi, le informazioni seguenti sono le stesse illustrate nel comunicato stampa di ieri 16 aprile 2018. Il co-investitore nella SPV è CarVal Investors.

Intrum e Intesa Sanpaolo hanno concordato la creazione un servicer che sarà leader nei crediti deteriorati (NPL) per il mercato italiano. La struttura dell’operazione è descritta di seguito:

1. Fusione delle attività di recupero degliNPL di Intesa Sanpaolo e di tutte le operationsitaliane di Intrum in uno dei principali servicer di NPL in Italia (Joint Venture Servicer)

- Intrum deterrà il 51% del Joint Venture Servicer.

- Il Joint Venture Servicer stipula un accordo di servicingesclusivo della durata di 10 anni con Intesa Sanpaolo per la gran parte dei nuovi afflussi di NPL della banca durante questo periodo.

- Intrum consoliderà la Joint Venture Servicer nel suo bilancio

2. Intrum, insieme a CarVal Investors, acquisterà una partecipazione del 51% di un portafoglio NPL con un valore contabile lordo (GBV) di 10,8 miliardi di euro che verranno deconsolidati da Intesa Sanpaolo. Il portafoglio sarà detenuto da uno Special Purpose Vehicle(SPV).

- Intrum deterrà l'80% del 51% della holding della SPV.

- CarVal Investors per conto dei fondi gestiti e assistiti, tra cui Fondaco SGR S.p.A si è impegnata a coinvestire per un importo corrispondente al restante 20% della partecipazione del 51% nella holding della SPV .

- La SPV sarà finanziata da non recourse senior asset – backed notes

- Intrum non consoliderà la SPV nel suo reporting finanziario

  • Queste operazioni riflettono una valutazione complessiva di circa Euro 3,6 miliardi per il Joint Venture Servicer e il portafoglio NPL.
  • L'investimento netto totale stimato di Intrum per la sua partecipazione nella piattaforma di servicing e i suoi interessi nella SPV è pari a EUR 670 milioni. L'investimento netto non prevede ulteriori syndication.
  • Intrum effettuerà un pagamento iniziale di 156 milioni di EUR alla fine di aprile 2018. Il resto del prezzo di acquisto verrà pagato alla chiusura che è prevista alla fine del 2018.
  • Tutte le transazioni rappresentano un significativo reinvestimento dei proventi della vendita delle Remediation Companies (REMCO) cedute da Intrum nel marzo 2018 e quindi un contributo significativo alle operazioni diM & A pianificate da Intrum.
  • Tutte le transazioni sono soggette all'autorizzazione ricevuta dalle autorità competenti.
  • L'Italia è uno dei maggiori mercati di NPL in Europa, il che sottolinea l'importanza di questa partnership strategica a lungo termine.
  • ***

    "Questo accordo innovativo per il mercato è una pietra miliare per Intrum e ci fornisce un accesso di lungo termine nel grande mercato italiano dei servizi di gestione del credito. Insieme a Intesa Sanpaolo stiamo costruendo un fornitore di servizi di gestione del credito in uno dei più grandi mercati europei che sarà fondato sui nostri reciproci punti di forza. La joint venture stabilisce un nuovo standard nel mercato in cui due operatori industriali esperti uniscono le forze per creare un operatore leader nel mercato italiano, afferma Mikael Ericson, Presidente e CEO di Intrum.

    Joint Venture Servicer

    Intrum e Intesa Sanpaolo istituiranno un Joint Venture Servicer nel quale la banca contribuirà con la propria piattaforma di servizi NPL e Intrum contribuirà con tutte le sue attuali attività italiane (escluse Cross Factor S.p.A. e Lindorff Italy S.r.l.). Intrum deterrà una partecipazione di maggioranza del 51% nella joint venture, nominerà la maggioranza dei membri del consiglio di amministrazione e l'amministratore delegato. La nuova società opererà con il marchio Intrum e Intrum la consoliderà nel proprio bilancio.

    La piattaforma di servicing di NPLIntesa Sanpaolo conta attualmente circa 600 dipendenti e offre un portafoglio di crediti in sofferenza di circa 30 miliardi di euro. Il Joint Venture Servicer continuerà a operare su questi volumi e beneficerà anche di un accordo di servicing esclusivo di 10 anni con Intesa Sanpaolo anche per la maggioranza dei nuovi NPL .

    Il Joint Venture Servicer offrirà le proprie competenze di servicing a banche e altri creditori nonché servizi di vendita di portafogli che consentiranno alle banche di ridurre il rischio dei loro bilanci.

    Portafoglio di NPL

    Intesa Sanpaolo cederà inoltre un portafoglio di crediti in sofferenza con un valore contabile lordo di 10,8 miliardi di euro, di cui la maggior parte sono prestiti garantiti. Intesa Sanpaolo manterrà una partecipazione del 49% nel veicolo.

    La SPV sarà partecipata da Intrum, insieme a uno o più co-investitori. CarVal Investors, gestore di fondi di investimento alternativi leader a livello mondiale con circa 10 miliardi di dollari di attività in gestione, ha assunto l'impegno di coinvestire con Intrum per un importo pari al 20% del 51%.

    Intrum effettuerà un primo pagamento di EUR 156 milioni alla fine di aprile 2018. Il resto del prezzo di acquisto verrà pagato alla chiusura.

    L'acquisizione del portafoglio sarà cofinanziata alla chiusura mediante emissione di asset backed senior notes. La sottoscrizione delle asset backed senior notes è garantita da un consorzio bancario con le seguenti condizioni chiave:

  • Legal Maturity : 5,5 anni, LTV senior: 60%, Senior Interest Rate : EURIBOR 1m (floored a zero) + 325bps,Undraw Interest Rate 325bps e Upfront fees:100bps .
  • Gli impegni presi dal consorzio bancario sono soggetti a condizioni, tra cui, ma non solo la presentazione delle documentazione completa e le approvazioni normative
  • ***

    "L'Italia è uno dei maggiori mercati per i NPL in Europa con oltre 300 miliardi di esposizioni deteriorate sui bilanci delle banche. Attraverso questa partnership otteniamo un maggiore accesso alle opportunità di crescita offerte dal mercato italiano. Le banche stanno sempre più cercando di esternalizzare parti della loro servizio di gestione dei crediti a specialisti che sono in grado di recuperare i debiti professionalmente ripristinando la solvibilità dei clienti della banca in modo efficiente e rispettoso ", conclude Mikael Ericson.

    L’accordo rappresenta un contributo significativo alle operazioni di M&A pianificate da Intrume supporterà le ambizioni di Intrum per il perseguimento di una crescita redditizia.

    Intrum è sempre impegnata nel perseguimentodell'obiettivo a lungo termine di un rapporto indebitamento netto / EBITDA di cassa di 2,5-3,5 e nonostante il fatto che immediatamente dopo la transazione il rapporto EBITDA netto / indebitamento netto è stimato a circa 4,5x per il Gruppo Intrum si tratta di un effetto temporaneo e il rapporto debito /EBITDA diminuirà nei primi 12 mesi poiché il flusso di cassa del portafoglio viene gradualmente incluso nel calcolo della leva finanziaria. L'aspettativa di Intrum è di essere nel mezzo della fascia obiettivo entro il 2020. La transazione dovrebbe essere accrescitiva dell’ utileper azione nel 2019.

    La transazione complessiva dovrebbe concludersi a fine 2018. Il Joint Venture Servicer sarà consolidato nei conti del Gruppo Intrum entro la data di chiusura. Il portafoglio NPL verrà trasferito alla SPV ad aprile 2018, con gli investitori esposti ai rischi e ai benefici dei portafogli dal 1 ° gennaio 2018. Le raccolte nette tra il 1 ° gennaio 2018 e la chiusura saranno dedotte dal prezzo di acquisto lordo.

    Il completamento di entrambe le parti della transazione è subordinato alla ricezione di autorizzazioni da parte delle autorità competenti.

    Advisors:

    • Mediobanca, finanziario
    • Goldman Sachs, finanziario
    • RCC Studio Legale, Legale

    Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:

    Fabrizio Puddu

    Marketing Communication Director

    Fabrizio.puddu@intrum.com

    Tel: 02 65563485

    Cell 3450874924

    Intrum è il fornitore leader nel settore dei servizi di gestione del credito con una presenza in 24 mercati in Europa. Intrum aiuta le aziende a crescere offrendo soluzioni progettate per migliorare i flussi di cassa, la redditività a lungo termine e la cura dei propri clienti. Garantire che individui e aziende ottengano il supporto di cui hanno bisogno per liberarsi dal debito è una parte importante della missione dell'azienda. Intrum ha più di 8.000 professionisti dedicatiche servono circa 80.000 aziende in tutta Europa. Nel 2017, la società ha generato ricavi pro-forma pari a 12,2 miliardi di corone svedesi. Intrum ha sede a Stoccolma ed è quotata al Nasdaq di Stoccolma. Per ulteriori informazioni: www.intrum.com .

    Commenti (0)

    Aggiungi commento

    Commento

    Agree With Privacy Policy