Skip to main content

Mikael Ericson sarà CEO di Lindorff e Intrum Justitia dopo il closing

Comunicato stampa   •   giu 12, 2017 12:36 CEST

Mikael Ericson

Oslo, 9 giugno 2017. Il Consiglio di Amministrazione di Intrum Justitia AB ha scelto Mikael Ericson come Amministratore Delegato e Presidente della società che nascerà dall’unione di Intrum Justitia e Lindorff una volta che la UE avrà approvato il progetto di unione e dopo il closing. La decisione è stata presa in accordo con prossimi nuovi membri del board proposti dal comitato nomine il 7 giugno del 2017.

Erik Forsberg, attuale CFO di Intrum Justitia, sarà il CFO dell'azienda che nascerà dall ‘unione.

«L'esperienza e le competenze di Mikael Ericson, unitamente alla continuità nel business che ci garantisce, lo posizionano bene per condurre l’azienda che nascerà dall’unione di Intrum Justitia e Lindorff. L'azienda capitalizzerà sulle opportunità di crescita e di espansione nell'ambito del settore dei servizi di Credit Management, ha dichiarato Lars Lundquist, presidente del consiglio di amministrazione di Intrum Justitia.»

Nel novembre del 2016 il Nordic Capital Fund VIII, attualmente azionista di maggioranza indiretta di Lindorff, e il Consiglio di Intrum Justitia hanno annunciato l'intenzione di unire le due società. L'azienda che nascerà dall’unione sarà leader nel settore dei servizi di gestione del credito, ed opererà in 23 paesi con circa 100 000 aziende clienti che operano in numerosisettori industriali.

«Abbiamo potuto scegliere tra due eccellenti candidati in termini di esperienza e competenze e questa è stata una grande fortuna per noi, non vediamo l'ora di collaborare con Mikael nello sviluppo della società che nascerà dal giorno del closing . Vorrei anche cogliere l'occasione per esprimere la mia sincera gratitudine verso Klaus-Anders Nysteen per il risultato eccezionale conseguito portando Lindorff ad un livello di eccellenza in termini di espansione e qualità dei servizi offerti afferma Kristoffer Melinder, Managing Partner NC Advisory AB».

«Sono determinato nel portare al successo questa unione, insieme a professionisti motivati sia in Lindorff che in Intrum Justitia ho avuto il piacere negli ultimi sei mesi di creare una piattaforma forte che è un’ottima base per il prossimo processo di integrazione che vedrà le società protagoniste. Far percepire al mercato il pieno potenziale della società che nascerà dall’unione sarà un lavoro di squadra che sono orgoglioso portare avanti di una volta che la transazione sarà chiusa, sostiene Mikael Ericson»

Sia Mikael Ericson che Klaus-Anders Nysteen continueranno a rimanere gli amministratori delegati delle rispettive società fino al closing dell’accordo, in seguito è previsto che Klaus-Anders Nysteen diventerà Senior Advisor del Nordic Capital Funds.

L’ unione delle due società è attualmente in attesa dell’approvazione da parte dell’autorità sulla concorrenza in seno alla Commissione Europea. La decisione è attesa il 12 giugno 2017 e l’operazione dovrebbe chiudersi nel secondo trimestre del 2017 come precedentemente comunicato.

Mikael Ericson ha assunto il ruolo di CEO di Intrum Justitia nel marzo del 2016 ed ha avuto varie responsabilità di alto livello nell'industria finanziaria negli ultimi 30 anni. E’ stato Head ofCapital Marketsdi Handelsbanken e il CEO di Carnegie Investment Bank. Prima di entrare a far parte di Intrum Justitia, ha ricoperto la carica di Head ofg International Banking di Danske Bank.

Erik Forsberg è entrato a far parte di Intrum Justitia nel novembre 2011. In precedenza ha ricoperto la carica di CFO presso Cision società di software per le PR. Ha lavorato inoltre come tesoriere e Business Controller in diverse società, tra cui EF Education.

Lindorff

Da oltre 100 anni, Lindorff offre servizi per la gestione del credito. La nostra sede è a Oslo, Norvegia, la stessa città dove Eynar Lindorff fondò l’azienda nel 1898. Oggi a supporto dei nostri clienti lavorano con noi 4400 persone in 12 diversi Paesi europei.

Controllata da Nordic Capital Fund VIII, Lindorff è leader in Europa nell’acquisto di portafogli di crediti deteriorati (NPL) e nella loro gestione. Offre inoltre servizi di pagamento e fatturazione. Nel 2016 ha realizzato un fatturato di 647 milioni di Euro (534 milioni nel 2015).

Commenti (0)

Aggiungi commento

Commento

Agree With Privacy Policy